IT | EN
Follow us Facebook Twitter LinkedIn Instagram
Il Club degli Orafi al Summit del Gioiello Italiano
News
Arezzo, 14 dicembre 2021

Si è tenuto il 14 dicembre 2021 ad Arezzo il I Summit del gioiello, di particolare spicco gli interventi delle nostre Socie Eleonora Rizzuto, Direttore Sviluppo Sostenibile di Bulgari & LVMH Italia, Cristina Squarcialupi, Presidente Unoaerre e Isabella Traglio, Deputy Director General Vhernier.

La nostra vice-presidente Eleonora Rizzuto, Direttore Sviluppo Sostenibile di Bulgari & LVMH Italia, ha invitato ad approfondire il tema dell’oro etico in una logica di concretezza.
Ha evidenziato inoltre come il modello di sostenibilità rappresenti potenzialmente un punto di forza da valorizzare all’estero. La sostenibilità non è quindi solo un costo, ma diventa una componente importante di business.
Sul tema della sostenibilità si corre a due velocità diverse: le grandi imprese, che possono fare da traino per il comparto verso il raggiungimento di obiettivi ad alto valore aggiunto, e le realtà più piccole che attualmente faticano a causa delle complessità legate al raggiungimento della compliance.
Sarebbe auspicabile a vantaggio di tutto il comparto che vengano attivati crediti agevolati per investire sulla sostenibilità, come già avviene per l’Industria 4.0.
La vice-presidente ha inoltre ribadito l’importanza della formazione e di puntare su una rinnovata attrattività del lavoro artigianale per i giovani, e la necessità che vengano adottati a livello globale gli stessi programmi di sostenibilità.

La nostra Socia Cristina Squarcialupi, Presidente Unoaerre dopo aver presentato i principali dati congiunturali di settore, ha sottolineato l’importanza di un coinvolgimento globale di tutta la filiera per imprimere una nuova accelerazione al comparto. Ha ribadito l’importanza del tema della sostenibilità, la transizione sta avvenendo ora ma va accelerata e supportata da una politica lungimirante; se l’urgenza è infatti partita da una richiesta di mercato e dei consumatori, ora ci stiamo comunque trovando di fronte a un mondo nuovo, in cui la supply-chain corta consente controlli e garanzia su tutta la filiera.
Non solo sostenibilità, però, ma anche valore del “percepito”. Per la nostra Associata non è sufficiente infatti che l’oggetto sia bello, ma è ormai indispensabile che sappia far provare emozioni.
In merito alle difficoltà del periodo, ha osservato come chi in questi mesi ha investito ha saputo resistere meglio alla crisi; ora si sente l’esigenza di avviare progetti nuovi, fuori dai vecchi schemi; restare troppo ancorati al passato vuol dire rischiare di perdere posizioni di mercato.
La pandemia ha inoltre messo in luce in modo evidente il naufragio della filiera globale (dalle mascherine in poi).
Anche per Cristina Squarcialupi è indispensabile investire su nuovi talenti che dovranno rappresentare la base della rinascita: servono competenze e figure professionali nuove che sappiano affrontare i cambiamenti.

La nostra Advisor Isabella Traglio, Deputy Director General Vhernier, ha evidenziato la necessità di puntare su ricerca e sperimentazione e l’importanza per i brand di avere e rafforzare una propria identità. Non solo prodotto, ma anche comunicazione, e sempre essere coerenti rispetto al DNA e alla credibilità dell’Azienda. 
Sul tema del Made in Italy, questo rappresenta un valore aggiunto straordinariamente valido soprattutto sui mercati esteri. Essere realmente Made in Italy è contemporaneamente una responsabilità e un’opportunità.
Nelle Aziende in questo periodo storico occorre investire su produzione, risorse umane, sullo stimolo di sempre nuovi know-how tecnici, e mai scendere a compromessi per non uscire dal perimetro del vero Made in Italy e del lusso.
Alle Aziende italiane si riconosce il primato nel “fare”, ma una non altrettanto elevata capacità nel “comunicare”. Su questo c’è importante spazio di miglioramento.
Le Imprese devono continuare a crescere, ma in modo dolce e continuando a puntare sulla formazione, strumento indispensabile per ottimizzare gli sforzi, per essere sempre credibili e per apportare continui miglioramenti nei processi e nei prodotti.